Come rispondere a una critica

Nella vita di tutti i giorni, comunicando continuamente, ci esponiamo alla valutazione e al giudizio altrui, e valutiamo continuamente ciò che ci accade, mediante i nostri schemi cognitivi.
Per affermare se stessi, senza essere dominante o sottomessi, occorre saper far valere le proprie argomentazioni e gestire le critiche altrui, senza per questo voler aggredire o dominare gli altri.

La critica, in buona misura, è spesso un modo per crescere, ma quando è generalizzante e unilaterale danneggia chi la produce e chi la ascolta.
Vediamo oggi come distinguere una critica positiva da una critica negativa.

La critica è positiva quando:
– riguarda un aspetto specifico
– riguarda un comportamento e non giudica la persona direttamente, stimolando     inutilmente il senso di colpa
– suggerisce una valida alternativa di comportamento

La critica è negativa quando:
– è generalizzante (quello che fai è tutto sbagliato, non fai mai quello che ti dico)
– è unilaterale
– etichetta negativamente la persona, e non il comportamento
– non suggerisce, neanche su richiesta, comportamenti alternativi

Se riceviamo una critica positiva non possiamo che ringraziare chi ce la fornisce, probabilmente ci sarà d’aiuto per evitare conseguenze negative, se riceviamo una critica negativa dobbiamo capire se può esserci d’aiuto oppure no. Una persona critica, può essere in alcuni casi non solo un ostacolo, ma un ottimo consigliere. Questo accade solo però se sappiamo convogliare la sua attenzione per gli aspetti negativi di una situazione in un piano d’azione che permetta di limitare gli stessi aspetti negativi.
Come abbiamo visto la critica negativa ci dice poco, è infatti molto generalizzante, per capire se la critica ha qualcosa di concreto bisogna:
1. Confutare le generalizzazioni
Questa fase della gestione delle critiche consiste nel mettere in dubbio l’assolutezza della critica. Riprendendo gli esempi di prima possiamo rispondere alle critiche generalizzanti come segue
a. “quello che fai è tutto sbagliato”
Domanda di confutazione: “che cosa è sbagliato nello specifico?”
b. “Non fai mai quello che ti dico”
Domanda di confutazione: “Non c’è mai stato un caso in cui ho fatto quello che mi hai detto?”

2. Definire che cosa c’è che non va
Non possiamo trarre niente da una critica generalizzante e indefinita, per capire quali sono le nostre aree di miglioramento dobbiamo fare delle domande di specificazione che permettano di definire
– qual è l’oggetto della critica
– quando si verifica
– quali danni produce

3. Definire assieme al “critico” quali possono essere i comportamenti alternativi
Una critica è inutile se non fornisce delle indicazioni di miglioramento, o dei comportamenti alternativi che permettano di limitare gli effetti negativi dei propri comportamenti.

Fonte: https://www.igorvitale.org/2012/06/03/come-rispondere-a-una-critica/

LA NUOVA DIETA DEL DOTTOR MOZZI
Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari
di Piero Mozzi

La Nuova Dieta del Dottor Mozzi

Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari

di Piero Mozzi

Più di 300 pagine con nuovi contenuti, spunti e interpretazioni. Prevenire, curare e guarire è semplice, facile e quasi a costo zero!

Preserva la tua salute attraverso un'alimentazione che si adatti in tutto e per tutto al tuo patrimonio genetico!

Secondo il dottor Mozzi c’è una correlazione tra l’appartenenza al proprio gruppo sanguigno e gli alimenti che mangiamo.

Il gruppo sanguigno è dato da un'impronta genetica precisa che distingue ogni individuo dagli altri, lo caratterizza e permette di capire come è fatto e come si comporta il nostro sistema immunitario.

È possibile utilizzare i quattro gruppi sanguigni 0, A, B, AB come una guida attendibile per scegliere un'alimentazione idonea a ognuno, che può consentire un miglioramento del proprio stato fisico e una riduzione del rischio di ammalarsi. Inoltre può aiutare a risolvere eventuali stati patologici.

In base alle caratteristiche genetiche di ogni singolo individuo, il dott. Mozzi ha individuato dei regimi alimentari ben precisi che promuovono il consumo di determinati cibi a discapito di altri, in base alla loro funzionalità, alla digeribilità e ai benefici che possono apportare all’organismo.

Oggi la dieta del dottor Mozzi compie 10 anni (2012-2022)! Per l'occasione il suo libro esce in una nuova edizione, con nuovi contenuti e nuove informazioni.

Le novità più importanti di questa edizione:

  • la dicitura “alimenti neutri” è stata modificata in “alimenti da testare” per rafforzare il concetto che questi alimenti hanno effetti diversi a seconda delle caratteristiche individuali; 
  • indicazioni sulle modalità di consumo di ogni categoria di alimenti: quando consumarli, quante volte alla settimana e quando evitarli; 
  • note riguardanti le patologie più comuni derivanti dall’abuso di alcuni cibi;
  • suggerimenti pratici per limitare i danni derivanti dagli “sgarri” a tavola; 
  • aggiornamento delle liste degli alimenti con i cibi nuovi che oggi si trovano più frequentemente in commercio;
  • cenni di nutrizione per rendere più semplice la scelta degli alimenti e la composizione dei pasti; 
  • per ogni stagione dell’anno, uno schema alimentare con 5 giornate tipo; 
  • la suddivisione degli alimenti in benefici, da testare e sconsigliati è stata aggiornata in base alle osservazioni fatte negli ultimi dieci anni e ai cambiamenti avvenuti nell’industria alimentare spesso a discapito della qualità degli alimenti.
...

I commenti sono chiusi.