Chiudere alcune porte significa amarsi

Più lontano lascio il passato dietro di me, più sono vicina a forgiare il mio carattere. (Isabelle Eberhardt)

Chiudere con il passato è spesso difficile, ma arriva un momento nella vita in cui bisogna farlo. Se non chiudiamo certe porte, continueremo a trascinare con noi il dolore e il risentimento…e tutta questa sofferenza gratuita ci impedirà di andare avanti dato che siamo emotivamente bloccati.

La sofferenza è inevitabile quando si devono chiudere alcune porte, ma farlo è sinonimo di amor proprio

Una delle lezioni più importanti che possiamo imparare dalla vita è quella di lasciare andare il passato per chiudere le porte alla sofferenza. Solo allora potremo continuare con il bagaglio più leggero e aperti a nuove esperienze.

Chiudere certe porte non significa dimenticare, piuttosto accettare il nostro passato per andare avanti. Infatti, quando rimaniamo prigionieri delle nostre esperienze negative, ci chiudiamo alla vita. La perdita di una persona cara, la rottura di un rapporto, molestie, stupri, abbandono, traumi, un errore importante o un problema personale…..appartengono al passato! E restare aggrappati al passato ci porta ad entrare in un circolo vizioso ci porta inevitabilmente a rievocare le brutte esperienze ostacolando la nostra crescita emotiva.

“Chiudere le porte del passato in riferimento ai momenti tristi e alle esperienze di amarezza è un prerequisito verso una felicità stabile e crescente che proviene dal centro del tuo essere e che ti porta nella condizioni di successo e realizzazione”

Non possiamo vivere il presente rimpiangendo il passato. Non possiamo lasciare la porta socchiusa sperando in ritorni saltuari, nella rassicurazione di continuare ad essere amati. Quello che è accaduto è accaduto e bisogna lasciarlo andare, bisogna distaccarsene.  Non ha senso pretendere vincoli con chi non vuole essere vincolato a noi. I fatti accadono e bisogna lasciarli andare!

Hai mai analizzato i rischi di restare in una situazione che ti rende infelice? Se ti lasci influenzare da idee come “e se non trovo nessun altro?”, “e se mi pento?”, “e se tutto va male?”, non farai altro che aggrapparti a qualcosa che arreca dolore alla tua anima.

Capisco, non è semplice rivoluzionare la propria vita, il cambiamento è una delle cose che spaventa di più! A volte è più facile accettare situazioni “comode” rimanendo seduti ad immaginarsi invece quello che realmente vorremmo piuttosto che soffrire. Ma se lasci troppe porte aperte al passato, non potrai mai concentrarti sulle cose che meritano la tua attenzione.

Conosco tanta gente che condivide la vita con un partner che non ama più per paura di provare dolore o per mancanza di coraggio nell’affrontare le conseguenze che ne scaturirebbero. Passano mesi o addirittura anni infelici dentro! Poi c’è chi si fa il segno della croce prima di interagire con la propria famiglia sperando che un genitore o un fratello non gli causi malumori….

Chiudere le porte e lasciarsi il passato alle spalle ti darà l’occasione di dedicarti ai tuoi sogni e di prefissarti nuove mete da raggiungere

Passare la vita coinvolta in una relazione di coppia che non funziona più, può solo precluderti la possibilità di trovare l’amore che meriti. E lo stesso accade in qualsiasi ambito della vita. Se focalizzi la mente e i pensieri su un amico che ti ha deluso, ti levi la possibilità di apprezzare la compagnia di chi vorrebbe entrare nella tua vita. Se lasci che i tuoi genitori decidano al tuo posto, non potrai mai fare ciò che desideri davvero.

Cosa si può fare per cambiare serratura e non permettere al nostro passato di entrare nella nostra vita?

Il passato ci ha permesso di acquisire esperienza, ma noi non siamo solo la nostra esperienza. In realtà, noi siamo molto di più di una storia, perché ciò che conta davvero è il potenziale che abbiamo nel nostro orizzonte.

IL PRIMO PASSO….

Poniamoci queste domande: le cose negative che sto evocando, hanno uno scopo? Possono aiutarmi a migliorare?  Se la risposta a queste domande è “NO”, allora ripetiamo a noi stessi: “Questa emozione non mi aiuta, perché sto focalizzando la mia mente in pensieri inutili e negativi,  ora mi concentro su ciò che è veramente importante”.

È un processo semplice ma per niente banale perchè stiamo intrudendo e quindi proiettando la mente a configurare una nuova direzione. Ci stiamo proiettando ad essere più propositivi….e quando iniziamo a concentrarci sulle cose positive, iniziamo ad attirare situazioni positive, aumentando le visualizzazioni.

IL SECONDO PASSO…

Il passo successivo è quello di creare un piano d’azione: “Il passato è il passato”. Dove stiamo andando adesso e come arrivarci? Spesso non si hanno le risposte, ma le opzioni aiuteranno la nostra mente ad andare in una nuova direzione, lasciandoci alle spalle le emozioni e le sensazioni indesiderate.

La chiave del successo quindi è quello di allenare la nostra mente a muoverci in una nuova direzione e inviare nuovi messaggi al nostro subconscio, spezzando lo schema dei pensieri distruttivi.

IL TERZO PASSO…

Ti sembrerà strano ma il passo finale è quello più semplice. Vivi nel  presente e godi di tutto ciò che ti sta accadendo, cogli la bellezza delle cose anche in situazioni che appaiono semplici, ovvie o banali: un complimento, una giornata di sole, una chiacchierata a telefono……Quello che devi sforzarti di pensare è che il momento presente è tutto ciò che hai e che avrai sempre.

Se percorri ogni giorno lo stesso percorso per andare a scuola o lavoro, prova a viverlo da una prospettiva diversa,  soffermati nei dettagli che non avresti mai notato prima se troppo impegnata a rimuginare: ricorda, la bellezza di un viaggio non è nella meta ma nel percorso!

Certo, qualcuno potrà contestare ciò che scrivo soprattutto se sta vivendo un momento molto doloroso. Il punto è che per quanto siamo affranti da ciò che stiamo vivendo, siamo vivi…..e la vita non va sprecata! Ricordiamoci sempre, che forte non è chi non cade mai, ma chi cade e si rialza! Anche mille volte!

In fin dei conti si tratta di visualizzare la nostra vita in modo diverso, di essere coraggiosi e di cambiare le serrature. Perché, in realtà, quello che conta è questo, imparare ad evolversi, aprirsi al cambiamento. Una volta fatto, non soffermiamoci su quello che abbiamo perso, ma su quello che possiamo guadagnare.

“Se sei ancora attaccato ad un vecchio sogno di ieri, e continui a mettere dei fiori sulla sua tomba ad ogni momento, non puoi piantare i semi per un nuovo sogno che possa crescere oggi” (Joyce Chapman)

La forza anche se nascosta è sempre dentro di noi, è lì che aspetta solo di uscire, bisogna amarci a 360° e questo comprende anche l’impegnarci ad essere felici.

via Psicoadvisor

Fonte: https://www.olisticmind.com/chiudere-alcune-porte-significa-amarsi/

IL LINGUAGGIO DELLE EMOZIONI
Cosa stanno cercando di dirti i tuoi sentimenti? Scopri le 5 tecniche per guidare i tuoi stati emotivi
di Karla McLaren

Il Linguaggio delle Emozioni

Cosa stanno cercando di dirti i tuoi sentimenti? Scopri le 5 tecniche per guidare i tuoi stati emotivi

di Karla McLaren

"Il Linguaggio delle Emozioni" è una guida eccezionale per capire e gestire i segnali e i messaggi che le emozioni ti inviano.

Puoi fidarti delle tue emozioni. L'autrice di questo bestseller internazionale lo ha fatto e spiega, attraverso la sua esperienza professionale e personale, come puoi farlo anche tu.

Le emozioni contengono un'enorme quantità di energia. Ci comunicano qualcosa di importante che è necessario scoprire per conoscere meglio noi stessi, e gli altri.

BONUS in esclusiva: acquistando il libro ti assicuri in OMAGGIO il Corso "Capire le Emozioni"(video file mp4 da scaricare - durata 27 minuti) di Antonella RizzutoTeam Coach, Life Coach e Coach Genitoriale. Potrai scaricare il video immediatamente dopo aver fatto l'ordine (ti arriverà una email con le istruzioni).

In questo volume, Karla McLaren mostra con grande precisione "come" avvicinarci alle emozioni e capirle, per arrivare a un equilibrio personale fondamentale.

Questo libro cambierà per sempre il tuo modo di relazionarti agli altri e a te stesso.

  • Vuoi imparare a gestire le tue emozioni?
  • Vuoi scoprire come capire le emozioni degli altri?
  • Desideri migliorare la tua vita professionale?

Ora è possibile grazie alle tecniche e agli esercizi pratici sviluppati in oltre 35 anni di esperienza e presentati in questo libro.

Leggendolo, scopri come:

  • bilanciare la connessione tra mente, corpo, spirito ed emozioni;
  • evitare gli ostacoli principali verso la serenità emotiva;
  • incrementare passo-passo le cinque abilità dell'empatia.

"Sei tu l'esperto delle tue esperienze personali: nessun libro, sistema, ideologia o persona dovrebbe mai avere l'opportunità di sostituire la tua saggezza. Se le idee e gli esercizi in questo libro hanno significato per te, usali, hai la mia benedizione. Se non ti dicono nulla per te, ignorali, hai la mia benedizione."

"Onora la tua individualità e la tua peculiare configurazione emotiva, opera cambiamenti al ritmo giusto per te (o non cambiare nulla) e affronta questo lavoro con la dovuta cautela e una profonda dedizione alla tua integrità." - Karla McLaren

 


REGALO ESCLUSIVO
solo per chi acquista il libro "Il Linguaggio delle Emozioni"

"Capire le Emozioni" di Antonella Rizzuto

Video Corso di 27 minuti - File video mp4 da scaricare

Un Corso con Antonella Rizzuto alla scoperta delle EMOZIONI. Potrai intraprendere un importante viaggio che ti porterà a fare amicizia con le emozioni, a conoscerle, riconoscerle e a migliorarne la gestione. Le emozioni sono un alfabeto vitale in qualsiasi contesto, che ci permette di muoverci con noi stessi o con gli altri nella maniera più armonica possibile e in qualsiasi situazione. Sono una lingua che ancora non conosciamo: mentre a scuola ci insegnano a leggere e a scrivere, nessuno ci insegna a parlare correttamente questa lingua basilare. Tanto da essere arrivati oggi a vivere come analfabeti emotivi: spesso, oltre a non conoscerle, non siamo in grado di capirle e gestirle, siano esse nostre o degli altri.

Potrai scaricare il file subito dopo aver acquistato il libro.

...

I commenti sono chiusi.