Acido folico, a cosa serve questa vitamina fondamentale

Cos’è l’acido folico

L’acido folico, o folato o vitamina B9 è una vitamina importantissima per l’organismo umano in quanto svolge diverse funzioni fondamentali. Il suo nome deriva dal latino Folium, cioè foglia, perché colui a cui si deve la sua scoperta, l’americano Mitchell, l’estrasse dalle foglie di spinacio, che ne sono ricche. Si tratta di una vitamina idrosolubile ed è l’unica forma attiva dei folati alimentari assorbiti dall’organismo.

Le importanti funzioni dell’acido folico

Acido folico in gravidanza

Contribuisce alla crescita dei tessuti materni e alla riduzione dei difetti del tubo neurale del nascituro. Per questo spesso in preparazione di una gravidanza viene consigliato alla madre di assumere alimenti ricchi di folati o un’integrazione di acido folico. La  funzione e quella di  prevenzione su malformazioni del neonato, non solo per il sistema nervoso e del tubo neurale ma anche per cuore e cranio, aiuta a prevenire le nascite premature e ritardi nel linguaggio. La dose consigliata in gravidanza (ma anche in tutta l’età fertile) è di 400 mg al giorno.

Cellule

Interviene nel processo di divisione cellulare, in particolare nel midollo osseo e nel tratto del sistema digerente.

Infatti è coinvolto direttamente nel processo e trasporta il carbonio nella formazione della proteina che contiene il ferro e che è presente nell’emoglobina; è considerato indispensabile nella fase di crescita e di riproduzione di tutte le cellule del nostro organismo.

Stanchezza e affaticamento

Serve a ridurre stanchezza e affaticamento: infatti una carenza di acido folico può avere come sintomi affaticamento, spossatezza, apatia ed esiste anche una forma particolare di anemia da carenza di acido folico, che causa la produzione di globuli rossi di forma anomala e dal funzionano non corretto.

Sistema immunitario

Funzione nel sistema immunitario: aiuta il sistema immunitario e interviene nella prevenzione di diverse problematiche di salute.

Omocisteina

Metabolismo dell’omocisteina: previene l’omocisteinemia, che rappresenta un fattore di rischio per le patologie cardiocircolatorie.

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che bassi livelli di acido folico portano ad un maggior rischio di fratture ossee legato ad alti livelli di omocisteina, responsabile anche del rischio demenza negli anziani. L’acido folico contribuisce a mantenere una buona circolazione del sangue nel corpo, prevenendo l’accumulo di omocisteina.

Aminoacidi

Sintesi degli aminoacidi: partecipa alla sintesi di alcuni aminoacidi, come la metionina, importante per la formazione della cartilagine, per la salute di pelle, capelli e unghie e l’acido glutammico, coinvolto in numerose funzioni protettive per la salute, tra cui il buon funzionamento del sistema nervoso, delle funzioni cognitive e per combattere lo stress.

Memoria

Funzione psicologica: una carenza di acido folico può portare a perdita di memoria, irritabilità, stanchezza e minor tolleranza allo stress, e una maggior assunzione di questa sostanza può essere di aiuto anche in casi di sbalzi di umore, ansia e depressione.

Sangue

Emopoiesi, cioè la produzione degli elementi cellulari del sangue: in combinazione con la vitamina B12 l’acido folico agisce per un’emopoiesi ottimale.

In quali alimenti si trova

Tra gli alimenti che contengono acido folico in forma naturali (folati alimentari) abbiamo: cereali integrali, spinaci, lattuga e altre verdure a foglia verde, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori e cime di rapa, asparagi e carciofi, avocado, fragole e arance.

Tra i legumi ne sono ricchi i fagioli, ma anche lenticchie, ceci e piselli secchi.

Parlando di cereali spicca l’avena per contenuto importante.

Negli alimenti di origine animale si trova in grandi quantità nel fegato e in quantità moderate nelle uova. Anche la frutta secca è utile per un’assunzione ottimale di questa vitamina.
Poiché si tratta di una vitamina idrosolubile è importante consumare le verdure crude o al massimo cotte in poca acqua, riutilizzando l’acqua di cottura. È inoltre importante la freschezza di frutta e verdura poiché una lunga conservazione ne riduce la quantità.

© Riproduzione riservata.
Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

Fonte: https://www.benesserecorpomente.it/acido-folico-vitamina-fondamentale/

PROTEGGERSI DALLE INFEZIONI VIRALI —
Aumentare le difese immunitarie per prevenire e curare le infezioni virali
di Roberto Gava

Proteggersi dalle Infezioni Virali —

Aumentare le difese immunitarie per prevenire e curare le infezioni virali

di Roberto Gava

Queste pagine sono un tassello fondamentale per proteggerti e difenderti dai virus attuali e futuri. Non puoi più attendere che siano gli altri a dirti come difenderti dalle malattie e il CoVID-19 dovrebbe avertelo insegnato molto bene. Ognuno di noi deve impegnarsi per iniziare un proprio “cammino di salute e di revisione di vita”.

Oggi disponiamo di conoscenze scientifiche meravigliose che ampliano sempre più le nostre possibilità preventive e curative, ma tocchiamo con mano che questo non è sempre sufficiente per evitare malattie anche gravi.

Nella battaglia contro i virus si parla spesso di malati e di morti, di protezioni individuali e sociali, di terapie farmacologiche e di vaccini, ma nessuno alza la voce per avvisarci che la prima terapia è tenere ben attivo il nostro sistema immunitario perché, se è normofunzionante, sa difendere molto bene il nostro organismo.

Siamo tutti immunologicamente a rischio, ma specialmente gli anziani, quelli che prendono quotidianamente farmaci e coloro che sono affetti da patologie croniche. Per questi, una prevenzione con adeguati stili di vita e alcuni specifici integratori nutrizionali non sarebbero solo utili, ma obbligatori!

Aver trascurato la prevenzione e non averla raccomandata con la stessa frequenza o anche con una frequenza giornaliera superiore a quella usata per dirci quanti sono i morti del giorno, a mio avviso è stato e continua ad essere un errore gravissimo che ha verosimilmente inciso sulla mortalità dei soggetti ad alto rischio.

Questo libro è il frutto di 40 anni di studio della letteratura scientifica e di esperienza clinica nel campo della prevenzione delle patologie infettive.

Leggilo, ma ricorda che servirà ben poco se non vivrai nella tua quotidianità i suoi insegnamenti che puoi riassumere in: un migliore stile di vita, alcuni integratori e una maggiore consapevolezza.

...

I commenti sono chiusi.