Abbassiamo l’aspettativa di vita: ce lo chiede l’Europa

di Sergio Scorza

“Se si va in pensione prima, quando si è ancora in buona salute, è un costo, perché qualcuno te la deve pagare”.

E giù la solita giaculatoria contro quota 100 ed in favore del famigerato sistema contributivo assoluto. Elsa Fornero, a La7, nel corso della trasmissione Di Martedì ha ripreso pari pari un leitmotiv tirato fuori per la prima volta, nel 2012, dall’attuale presidente della BCE Christine Lagarde:

La longevità è diventata un nemico, se non da combattere, almeno da rendere inoffensivo: troppe spese per lo stato in pensioni e assistenza sanitaria.

E l’allora ultraliberista direttrice dell’FMI

indicò la soluzione (finale) nello smantellamento del sistema previdenziale ed in una drastica riduzione della spesa pubblica dedicata agli altri istituti del welfare (sanità, assistenza, istruzione). Nessun accenno, ovviamente, alla spesa militare. Dunque, la longevità delle popolazioni occidentali – ossia il famoso “allungamento delle aspettative di vita” – mette a rischio i bilanci degli stati più sviluppati. In altre parole, per i pasdaran del neoliberismo, la longevità va ridotta perché “desiderabile, ma costosa” e per aiutare gli “investitori professionali” (fondi speculativi, fondi pensione, risparmio gestito, hedge fund, ecc), a “trovare degli asset più affidabili”.

Insomma, dobbiamo morire prima e direi che in Italia ci siamo adeguati subito al monito della Lagarde facendo a pezzi il nostro Servizio Sanitario Nazionale al quale abbiamo tagliato 28 miliardi in 10 anni mentre assistiamo alla progressiva crescita di fondi integrativi sanitari privati (dati 4° Rapporto della Fondazione Gimbe) grazie anche all’aiutone dei sindacati complici (ed interessati).

Tempi troppo lunghi di attesa per accedere alle prestazioni

visite specialistiche e ticket sanitari costosi, mancanza di strutture ambulatoriali e carenza di medici nel territorio hanno fatto aumentare esponenzialmente, in Italia, gli ultrasessantacinquenni che, scoraggiati dalle difficoltà, rinunciano a curarsi o a sottoporsi ad accertamenti clinici: sono 3 milioni e 200mila (su 4 milioni di malati cronici) secondo il Rapporto OsservaSalute 2018. Tutti pensionati “costosi”.

E nel 2017 erano già più di 12 milioni gli italiani che avevano rinunciato o rinviato almeno una prestazione sanitaria per motivi economici. Insomma, siamo sulla buona strada: Fornero, Lagarde e gli “investitori professionali” possono stare tranquilli. Noi meno.

Articolo di Sergio Scorza

Fonte: http://www.elzeviro.eu/affari-di-palazzo/esteri/abbassiamo-laspettativa-di-vita-ce-lo-chiede-leuropa.html

TRILOGIA DELLA COSCIENZA
Genesi - Evideon - La Geometria Sacra in Evideon
di Corrado Malanga

Trilogia della Coscienza

Genesi - Evideon - La Geometria Sacra in Evideon

di Corrado Malanga

«Questo volume realizza a valle ciò che non sarebbe stato possibile fare a monte: raggruppare e restituire continuità alle tre ricerche di Genesi, Evideon e La geometria sacra in Evideon».

Malanga presenta così la Trilogia della Coscienza, che raccoglie i principali passaggi della sua ricerca in merito alla natura della Coscienza e dell’Universo.

In Genesi, sulla base delle sue indagini sul fenomeno delle interferenze aliene, l’autore elabora una teoria straordinariamente originale per spiegare l’origine della vita su questo pianeta e il senso ultimo dell’esistenza umana, mettendo altresì in relazione queste rivelazioni con le più importanti scoperte della fisica quantistica e con le parole dei testi sacri e delle tradizioni esoteriche di tutte le culture antiche. Dall’esame del mito si evince come l’Uomo – che si trova su questo pianeta per fare esperienza della dualità sotto forma di divisione – sia il creatore inconsapevole del Tutto e degli Dèi, i quali rappresentano, a specchio, ciò che egli non ha ancora compreso di se stesso.

In Evideon e in La geometria sacra in Evideon Malanga indaga sull’origine della Coscienza ed elabora la teoria dell’Evideon – l’universo virtuale che si è generato nel momento in cui l’unità dell’Essere si è separata – ponendo le basi per la nascita di un uomo nuovo, dotato di una Coscienza Integrata che ha unito in sé anima, mente e spirito. Grazie a una prefazione inedita, che spiega e introduce la nuova sistemazione dei tre libri, e a un capitolo finale che tira le fila, contestualizza e analizza i risultati delle sue rivoluzionarie ricerche, quest’opera permette al lettore di addentrarsi in maniera completa e approfondita nel cuore dell’indagine ultratrentennale di Corrado Malanga sulla Coscienza.

Questo libro è l'unione dei seguenti libri:

Genesi - Uomo, Universo e Mito — Libro

(25)

€ 14,25 € 15,00 (5%)

Evideon — Libro

(11)

€ 13,30 € 14,00 (5%)

La Geometria Sacra in Evideon — Libro

(8)

€ 13,30 € 14,00 (5%)

Estratto dal libro

Sono convinto che la vera ricerca, quella che non cerca conferme di sé ma che, essendo autenticamente orientata a trovare la verità, è consapevole di dover essere in perpetuo movimento, non finisca mai. Il risultato, la risposta di ieri, è solo la domanda di oggi, che nelle conclusioni raggiunte deve trovare uno stimolo e uno sprone e non farsi bloccare da esse per paura di metterle in discussione.

La Trilogia della Coscienza, che passa attraverso Genesi, Evideon e La Geometria sacra in Evideon, si chiude con l’aggiunta di ulteriori riflessioni che prendono spunto dall’ultima parte della mia ricerca nel campo degli anti-fotoni. Ho cercato qui, in forma concisa, di mostrare come non si deve temere la scienza se non quando essa è in mano a un manipolo di umani incapaci di capirne i contenuti.

La scienza sta divenendo sempre più assimilabile alla religione, oggi però ci sono tutti i presupposti – e abbiamo tutti gli strumenti – per farla tornare ciò che era una volta, cacciando gli pseudo professori dal tempio e rimpadronendoci di qualcosa che è sempre stato nostro e non di una élite che ha studiato poco e capito ancora meno.

...

I commenti sono chiusi.