6 strumenti per calcolare quanto vivremo

di Germana Carillo

aspettativa vita

Qual è la vostra aspettativa di vita? Più o meno a tutti piacerebbe saperlo e, a tutt’oggi, qualche metodo curioso c’è. Molti continuano a confidare nella scienza, anche solo per sapere se conviene continuare a lavorare e a pagare il mutuo o buttare all’aria tutto e farsi una gran bella vacanza.

Tecnologie a parte dalla dubbia funzionalità, ci sono forse delle determinate cose che si possono utilizzare per sapere quando dovremo tirare le cuoia.

1. Treadmill test – Si chiama FIT Treadmill Score ed è un test messo a punto dai ricercatori della Johns Hopkins University per calcolare il rischio di un decesso nei prossimi 10 anni: basta salire su un tapis-roulant e camminare, incrementando gradualmente pendenza e velocità. A seconda del grado di forma fisica e della frequenza cardiaca massima raggiunta, si può ipotizzare chi rischia di più e avrebbe quindi bisogno di una prevenzione più incisiva.

2. Test dei telomeri – Un particolare esame del sangue messo a punto in Gran Bretagna qualche anno fa è in grado di definire la vostra “età biologica” tramite la lunghezza dei telomeri, ossia la regione finale dei cromosomi. Ebbene, una maggiore lunghezza dei telomeri, che rappresentano una “spia” di invecchiamento, corrisponderebbe a una maggiore aspettativa di vita. Di contro, telomeri più corti corrispondono a un’aspettativa di vita inferiore.

3. Test della stretta di mano – Stando ad alcune ricerche, la stretta di mano di una persona potrebbe indicare anche la sua vera età biologica. Corrisponderebbe a diversi marcatori di invecchiamento, come il rischio di mortalità, la disabilità, il declino cognitivo o la capacità di riprendersi dopo una malattia.

4. Sitting Test – Si tratta di un esercizio che misura la flessibilità e la forza del corpo (The sitting rising test – SRT) e che consiste nel mettersi seduti con le gambe incrociate dalla posizione in piedi per poi rialzarsi senza utilizzare nessun supporto e neppure aiutandosi con braccia o mani, né appoggiandosi sulle ginocchia (foto sotto). Secondo gli studiosi, la situazione muscolo scheletrica, valutabile con questo semplice test, può essere usata per stimare l’aspettativa di vita.
sittingtest5. Test dell’olfatto – Da uno studio emerge che la misurazione dell’olfatto, nelle persone anziane, potrebbe aiutare a comprendere se saranno vivi nei prossimi cinque anni. Secondo i ricercatori la diminuzione o la perdita del senso dell’olfatto non causa direttamente la morte, ovvio, ma può essere un segnale di avvertimento precoce.

6. Lo sapevate che ci sono molti calcolatori online che possono servire a stimare la data del vostro ultimo compleanno? Alcuni prendono in considerazione fattori semplici come l’età, l’altezza e il peso. Altri, come questo dell’University of Pennsylvania, anche la storia della famiglia, la dieta, gli esercizi fisici, lo stato civile e l’educazione, oltre ad abitudini come il fumo, l’alcol e le abitudini sessuali.

E voi siete curiosi? Fareste uno di questi test per scoprire quanto vi resta da vivere?

Articolo di Germana Carillo

Fonte: http://www.nextme.it/scienza/parascienza/9058-6-strumenti-per-calcorare-quanto-vivremo

MANUALE DI APPLICAZIONE DELLE CINQUE LEGGI BIOLOGICHE - VOL. 1
Svegliarsi dall'ipnosi della "Malattia"
di Marco Pfister

Manuale di Applicazione delle Cinque Leggi Biologiche - Vol. 1

Svegliarsi dall'ipnosi della "Malattia"

di Marco Pfister

L'applicazione professionale e consapevole delle Cinque Leggi Biologiche comporta un risveglio dall'ipnosi della "Malattia", delicato e rispettoso della dignità e dell'interezza di ogni singola persona.

Questo manuale di applicazione delle Cinque Leggi Biologiche rappresenta un approccio preciso ed efficace, per chi lavora nei vari ambiti professionali inerenti la "salute".

Queste conoscenze permettono di osservare esattamente cosa sta succedendo nell'organismo e in particolare:

  • l'eziologia (origine precisa e verificabile di ogni sintomo o "malattia"),
  • le differenti funzionalità (fisiologia ordinaria e fisiologia speciale),
  • le specifiche modalità di proliferazione dei vari tessuti (sviluppo cellulare), che variano precisamente in base all'origine embrionale e quindi le corrispondenti aree cerebrali che li dirigono (innervano).

Ne consegue un'importante valore aggiunto in termini di applicazione,
nella prassi medica e terapeutica.

In effetti anche la "terapia" si presenterà in una nuova dimensione, in cui la precisione diagnostica (epurata dalle credenze a-­‐scientifiche inerenti la "malattia" e il "brutto male"), accompagnata dall'esatta corrispondenza emotiva (in base alla personalissima percezione, al "sentito biologico" del vissuto della singola persona coinvolta), permetterà un intervento medico-­terapeutico della massima efficacia, nel rispetto assoluto sia delle modalità di comportamento, sia delle peculiari modalità percettive e delle risorse proprie della persona che ci chiede aiuto.

Questo permette quindi di avere a disposizione un metodo di indagine sovradeterminato, che presenta sempre gli stessi parametri e le stesse modalità d'indagine e un approccio precisamente scientifico, misurabile e comprovabile.

L'obiettivo di questa prima parte del "Manuale di applicazione delle 5LB", che è il primo di una serie di volumi, è quindi di chiarire i requisiti necessari per arrivare ad un'applicazione professionale, consapevole ed efficace di queste conoscenze nell'ambito medico-­terapeutico.

Il testo costituisce dunque, uno strumento indispensabile per un'efficace applicazione delle 5LB.

Indice

Prefazione

  • Nuove conoscenze per un'unica medicina: quella utile alla singola persona
  • Svegliarsi dall'ipnosi
  • Una posizione d'aiuto responsabile

Introduzione

  • La definizione di "operatore nel campo della salute"
  • Definizione e delimitazione dell'intervento terapeutico
  • Incertezze e possibilità applicative delle 5LB

Le 5 Leggi biologiche scoperte dal dr. Hamer

  • Le 5LB in breve
  • La prevenzione, grazie alle 5LB
  • La patogenesi: eziologia dei vari programmi SBS
  • Origine embrionale, anatomia, fisiologia ordinaria e fisiologia speciale
  • I 4 tessuti embrionali originali

La classificazione sintomatologia in base alle 5LB

  • La valutazione dell'urgenza oggettiva
  • Una nuova dimensione dell'urgenza soggettiva in base alle 5LB

L'approccio medico-clinico e terapeutico

  • La diagnosi: etichetta nosografica statica
  • Ridefinizione delle diagnosi delle varie medicine correnti
  • Un nuovo strumento professionale di conoscenza misurabile e verificabile

La terapia

  • La terapia sintomatica
  • Una nuova dimensione nell'accompagnamento medico-terapeutico
  • La terapia causale

Esempio di applicazione delle 5LB in un caso clinico

  • Descrizione dei sintomi iniziali e indagini diagnostiche presentate
  • Approccio e decorso della cura allopatica
  • Comunicazione allopatica
  • Il colloquio, nuova collocazione (ristrutturazione)
  • Documenti comprovanti (prima parte)
  • Le verifiche e controlli nel tempo
  • Documenti comprovanti (seconda parte)
  • L'intervento terapeutico

La formazione e metodiche formative

  • Requisiti richiesti all'operatore, in base alla conoscenza delle 5LB
  • Necessità di un percorso di crescita personale
  • Definizione professionale dell'operatore sulle 5LB

Conclusione

Bibliografia


Questo libro è dedicato a tutte le persone che,
di cuor sincero e intento limpido,
si prodigano per un mondo migliore

Nuove conoscenze per un'unica medicina: quella a sostegno della singola persona

L'obiettivo di questa Prima parte del "Manuale di applicazione delle 5LB" è quindi di chiarire i requisiti necessari per arrivare ad un'applicazione professionale, consapevole ed efficace di queste conoscenze nell'ambito medico-terapeutico e di promuovere un approccio delicato e rispettoso della dignità e della interezza di ogni singola persona, al di fuori delle "credenze ipnotiche" sulla malignità o benignità dei processi di salute e malattia.

Vedremo come, grazie a questo nuovo modello di riferimento delle 5LB che rappresenta una mappa diagnostica molto raffinata e precisa, il consulente o operatore nel campo della salute potrà agire in scienza e coscienza, con maggiore rapidità e precisione e, in particolar modo, proprio nella gestione delle situazioni d'urgenza oggettiva e soggettiva!

Sarà quindi indispensabile che l'operatore nel campo della salute possa acquisire gli elementi essenziali che gli permetteranno da un lato di aumentare efficacemente la sua capacità d'intervento e dall'altro la sua capacità di ascolto del mondo percettivo della persona che ha di fronte.

Non potrà quindi considerare più nulla come ovvio e/o scontato!

Continua a leggere: > Nuove conoscenze per un'unica medicina: quella a sostegno della singola persona

...

I commenti sono chiusi.