Tipi di demenza: la demenza mista

Anche se l’Alzheimer e il Parkinson sono le più conosciute, ci sono altre demenze ugualmente devastanti e che conviene conoscere per prevenirne la comparsa.

Ancora non si sa con certezza quali siano i cambiamenti nel cervello che causano l’Alzheimer. Proprio questa mancanza di informazioni è forse il motivo per il quale relazioniamo, sbagliando, i diversi tipi di demenza a questa malattia.

Alcuni dati sull’Alzheimer

I primi sintomi dell’Alzheimer li conosciamo già: difficoltà a ricordare nomi e conversazioni recenti. A mano a mano che la malattia avanza, anche i suoi sintomi peggiorano.

In seguito sorgono difficoltà di comunicazione, cambiamenti di comportamento e giudizio e persino difficoltà a mangiare o camminare. Il rischio che presenta una persona di soffrire di Alzheimer o altri tipi di demenza è riconducibile, nella maggior parte dei casi, a una cattiva sorte sul versante genetico.

L’Alzheimer non è l’unica forma di demenza, ma è la più frequente. Questa può essere la ragione per cui la maggior parte delle persone confonde questa malattia con altre.

Tipi di demenza diversi dall’Alzheimer

Invecchiare insieme
Dato che abbiamo già parlato di alcune caratteristiche dell’Alzheimer, trattiamo adesso alcuni tipi di demenza che potremmo confondere con questa malattia più conosciuta:

1. Tipi di demenza: la demenza vascolare

Si tratta della riduzione del flusso sanguigno nel cervello a causa di un coagulo di sangue o al blocco dei vasi sanguigni. Tra i vari tipi di demenza, questa è causata da incidenti cerebrovascolari. La sua conseguenza più caratteristica è la difficoltà di pianificazione e organizzazione.

Prendetevi cura della vostra salute cardiaca. Dovete evitare qualsiasi indurimento od ostruzione dei vasi sanguigni. Ciò significa mantenere il colesterolo e la pressione arteriosa stabili. In tal modo, eviterete anche di soffrire di diabete.

2. La demenza a corpi di Lewy

Demenza cura
I corpi di Lewy sono composti da una proteina chiamata alfa-sinucleina che si accumula nella corteccia del cervello. La conseguenza è la perdita di memoria e la difficoltà ad articolare i pensieri.  Tra i vari tipi di demenza, questo è il più simile all’Alzheimer.

La demenza a corpi di Lewy e l’Alzheimer si differenziano nel fatto che la prima causa alterazioni del sonno, allucinazioni e rigidità muscolare. Dunque, gli effetti assomigliano anche a quelli tipici del Parkinson.

Quando i pazienti con demenza a corpi di Lewy si recano in un luogo, potrebbero perdersi in quanto i posti conosciuti ormai non risultano più familiari. E una volta che la demenza avanza nel paziente, questi potrebbe perdersi mentre cerca il bagno e persino la sua stanza.

Tra i tipi di demenza più comune, quella dei corpi di Lewy è al secondo posto. Fino a questo momento, infatti, il tipo di demenza più comune rimane l’Alzheimer.

Mantenete il vostro cervello attivo per evitare questo disturbo. Imparate una nuova lingua, scoprite la storia di nuovi posti, cercate informazioni su altre culture, ecc. Gli alti livelli di educazione e la pratica di attività stimolanti per il cervello potrebbero aiutare a prevenirne i sintomi.

3. Malattia di Parkinson tra i tipi di demenza

Quando l’accumulo di alfa-sinucleina di cui parlavamo si concentra in una parte del cervello chiamata substantia nigra, le cellule nervose che producono la dopamina risultano danneggiate.

È in questo momento che, secondo i ricercatori, iniziano a presentarsi problemi nella realizzazione di movimenti, caratteristica per eccellenza del Parkinson. È accompagnato anche da tremori nel corpo e da rallentamento nei movimenti.

La cosa più preoccupante della malattia di Parkinson è che non è stata determinata una causa conosciuta che aiuti nella prevenzione di questo tipo di demenza.

4. La demenza frontotemporale

Anziano demenza
Quando c’è una degenerazione nelle cellule nervose, sia sul lobo frontale che in quello temporale, si dice che sussiste demenza frontotemporale. Essa può causare cambiamenti nelle abilità della personalità, di comportamento e comunicazione.

Questa forma di demenza rende le persone impulsive, le quali possono persino arrivare a fare grandi acquisti senza consultare il proprio coniuge. Non esiste alcuna cura che permetta di mantenere sotto controllo la malattia. Per questo è importante adottare stili di vita sani che riducano le lesioni e le possibilità di incidenti cerebrovascolari.

5. Tipi di demenza: la demenza mista

Come se non bastasse, una persona può anche tenere un mix di diversi tipi di demenza, ovvero diverse alterazioni cerebrali allo stesso tempo. Questo caso viene denominato demenza mista, che generalmente è l’unione tra la demenza vascolare e l’Alzheimer.

La cosa migliore da fare è mantenere il cervello attivo ed evitare qualsiasi fattore di rischio. Sappiamo già che sembra complicato, ma è possibile con molto impegno e dedizione.

Fonte: https://viverepiusani.it/tipi-di-demenza-alzheimer/

IL METODO ISHIMURA —
L'esclusivo approccio giapponese per dimagrire senza dieta
di Tomomi Ishimura

Il Metodo Ishimura —

L'esclusivo approccio giapponese per dimagrire senza dieta

di Tomomi Ishimura

Un approccio geniale e straordinariamente efficace che necessita di soli 5 minuti al giorno.

L’aumento di peso, il progressivo irrigidimento delle articolazioni, dolori alla schiena o agli arti sono spesso, anche in giovane età, dovuti a un’errata postura.

Dal Giappone arriva a risolvere in modo facile ed efficace questi problemi e molti altri, un metodo rivoluzionario che riporta tutte le parti del nostro corpo (comprese le dita dei piedi!) nella loro posizione naturale, migliorando la forma fisica, facendoci perdere peso e restituendoci la salute.

Il suo immenso successo, sia in Giappone sia negli Stati Uniti dove l’autrice l’ha fatto conoscere, è dovuto agli straordinari risultati e alla sua estrema facilità di applicazione. Gli esercizi durano solo 5 minuti e possono essere fatti stando sdraiati (a faccia in su), con uno sforzo minimo; sono quindi adatti a tutte le età e a tutte le condizioni.

Il libro illustra con foto chiare e immediate i semplici esercizi che riequilibrano la postura e l’assetto del corpo. Nessuno sforzo né fatica: un approccio adatto a tutti e dai risultati straordinari.

Un programma rivoluzionario che con soli 5 minuti di esercizi al giorno per 4 settimane tonifica, sgonfia, brucia i grassi in eccesso, allunga i muscoli correggendo il disallineamento della postura.

Dalla quarta di copertina

Se siete stanchi di stare a dieta e non dimagrire, se oltre al grasso volete eliminare il gonfiore e i dolori articolari, se desiderate tonificare il corpo e riacquistare agilità leggete questo libro e troverete le risposte che cercate.

L’aumento di peso, l’addome gonfio, i dolori alla schiena o agli arti sono spesso, anche in giovane età, dovuti a un’errata postura che incide su diversi fattori.

Dal Giappone arriva a risolvere in modo facile ed efficace questi problemi e molti altri, un metodo rivoluzionario che riallinea tutte le parti del nostro corpo riportandole nella loro posizione naturale (quella che l’autrice chiama posizione “zero”), migliorando la forma fisica, facendoci perdere peso e restituendoci la salute di muscoli e articolazioni.

Tomomi Ishimura, trainer e insegnante giapponese di yoga, ha studiato e sviluppato questo approccio fondendo diverse discipline. Il suo centro a New York ha raccolto rapidamente un folto gruppo di studenti entusiasti.

La velocità dei risultati e l’estrema facilità di applicazione del metodo hanno convinto anche molti personaggi famosi, star di Hollywood e della televisione, musicisti, atleti e manager.

Il programma prevede solo 5 minuti di impegno al giorno per 4 settimane con esercizi molto semplici, che possono essere eseguiti stando sdraiati, con uno sforzo minimo e nessuna fatica; sono quindi adatti a tutte le età e a tutte le condizioni.

Un metodo che resetta il corpo e il metabolismo con effetti visibili fin dai primi giorni.

...

I commenti sono chiusi.