Tipi di demenza: la demenza mista

Anche se l’Alzheimer e il Parkinson sono le più conosciute, ci sono altre demenze ugualmente devastanti e che conviene conoscere per prevenirne la comparsa.

Ancora non si sa con certezza quali siano i cambiamenti nel cervello che causano l’Alzheimer. Proprio questa mancanza di informazioni è forse il motivo per il quale relazioniamo, sbagliando, i diversi tipi di demenza a questa malattia.

Alcuni dati sull’Alzheimer

I primi sintomi dell’Alzheimer li conosciamo già: difficoltà a ricordare nomi e conversazioni recenti. A mano a mano che la malattia avanza, anche i suoi sintomi peggiorano.

In seguito sorgono difficoltà di comunicazione, cambiamenti di comportamento e giudizio e persino difficoltà a mangiare o camminare. Il rischio che presenta una persona di soffrire di Alzheimer o altri tipi di demenza è riconducibile, nella maggior parte dei casi, a una cattiva sorte sul versante genetico.

L’Alzheimer non è l’unica forma di demenza, ma è la più frequente. Questa può essere la ragione per cui la maggior parte delle persone confonde questa malattia con altre.

Tipi di demenza diversi dall’Alzheimer

Invecchiare insieme
Dato che abbiamo già parlato di alcune caratteristiche dell’Alzheimer, trattiamo adesso alcuni tipi di demenza che potremmo confondere con questa malattia più conosciuta:

1. Tipi di demenza: la demenza vascolare

Si tratta della riduzione del flusso sanguigno nel cervello a causa di un coagulo di sangue o al blocco dei vasi sanguigni. Tra i vari tipi di demenza, questa è causata da incidenti cerebrovascolari. La sua conseguenza più caratteristica è la difficoltà di pianificazione e organizzazione.

Prendetevi cura della vostra salute cardiaca. Dovete evitare qualsiasi indurimento od ostruzione dei vasi sanguigni. Ciò significa mantenere il colesterolo e la pressione arteriosa stabili. In tal modo, eviterete anche di soffrire di diabete.

2. La demenza a corpi di Lewy

Demenza cura
I corpi di Lewy sono composti da una proteina chiamata alfa-sinucleina che si accumula nella corteccia del cervello. La conseguenza è la perdita di memoria e la difficoltà ad articolare i pensieri.  Tra i vari tipi di demenza, questo è il più simile all’Alzheimer.

La demenza a corpi di Lewy e l’Alzheimer si differenziano nel fatto che la prima causa alterazioni del sonno, allucinazioni e rigidità muscolare. Dunque, gli effetti assomigliano anche a quelli tipici del Parkinson.

Quando i pazienti con demenza a corpi di Lewy si recano in un luogo, potrebbero perdersi in quanto i posti conosciuti ormai non risultano più familiari. E una volta che la demenza avanza nel paziente, questi potrebbe perdersi mentre cerca il bagno e persino la sua stanza.

Tra i tipi di demenza più comune, quella dei corpi di Lewy è al secondo posto. Fino a questo momento, infatti, il tipo di demenza più comune rimane l’Alzheimer.

Mantenete il vostro cervello attivo per evitare questo disturbo. Imparate una nuova lingua, scoprite la storia di nuovi posti, cercate informazioni su altre culture, ecc. Gli alti livelli di educazione e la pratica di attività stimolanti per il cervello potrebbero aiutare a prevenirne i sintomi.

3. Malattia di Parkinson tra i tipi di demenza

Quando l’accumulo di alfa-sinucleina di cui parlavamo si concentra in una parte del cervello chiamata substantia nigra, le cellule nervose che producono la dopamina risultano danneggiate.

È in questo momento che, secondo i ricercatori, iniziano a presentarsi problemi nella realizzazione di movimenti, caratteristica per eccellenza del Parkinson. È accompagnato anche da tremori nel corpo e da rallentamento nei movimenti.

La cosa più preoccupante della malattia di Parkinson è che non è stata determinata una causa conosciuta che aiuti nella prevenzione di questo tipo di demenza.

4. La demenza frontotemporale

Anziano demenza
Quando c’è una degenerazione nelle cellule nervose, sia sul lobo frontale che in quello temporale, si dice che sussiste demenza frontotemporale. Essa può causare cambiamenti nelle abilità della personalità, di comportamento e comunicazione.

Questa forma di demenza rende le persone impulsive, le quali possono persino arrivare a fare grandi acquisti senza consultare il proprio coniuge. Non esiste alcuna cura che permetta di mantenere sotto controllo la malattia. Per questo è importante adottare stili di vita sani che riducano le lesioni e le possibilità di incidenti cerebrovascolari.

5. Tipi di demenza: la demenza mista

Come se non bastasse, una persona può anche tenere un mix di diversi tipi di demenza, ovvero diverse alterazioni cerebrali allo stesso tempo. Questo caso viene denominato demenza mista, che generalmente è l’unione tra la demenza vascolare e l’Alzheimer.

La cosa migliore da fare è mantenere il cervello attivo ed evitare qualsiasi fattore di rischio. Sappiamo già che sembra complicato, ma è possibile con molto impegno e dedizione.

Fonte: https://viverepiusani.it/tipi-di-demenza-alzheimer/

IL CIBO DEL RISVEGLIO —
Mangiare come rituale sciamanico di comunione con l'invisibile
di Selene Calloni Williams

Il Cibo del Risveglio —

Mangiare come rituale sciamanico di comunione con l'invisibile

di Selene Calloni Williams

Attraverso il cibo e il modo in cui mangiamo, possiamo guarire non solo il nostro corpo, ma anche le emozioni, i comportamenti, il rapporto con il denaro, le relazioni e rendere splendente e libero il nostro destino.

Libertà, salute, creatività, ricchezza, fertilità, serenità, pace, amore, rispetto, gioia e conoscenza hanno inizio da ciò che portiamo alla bocca e da come lo facciamo.

In questo libro vengono descritti per la prima volta dei rituali essenziali per la nostra piena realizzazione, affinché ogni boccone di cibo che gustiamo possa intensificare in noi l’esperienza del risveglio e dell’amore! Trenta schede contenenti altrettanti alimenti che, se consumati in un contesto rituale e accompagnati dalla ripetizione di appropriate formule o mantra, sono in grado di aiutare a trasmutare emozioni e comportamenti, persino di curare ferite emotive. In ogni scheda, per ciascun alimento viene raccontato il mito che l’ha portato in essere e viene descritto un rituale sciamanico alchemico che, se abbinato alla consumazione dell’elemento indicato, è capace di operare importanti cambiamenti positivi.

Il testo della Calloni Williams stravolge le teorie psicologiche più comuni sull’alimentazione e ci presenta l’esperienza spirituale diretta del cibarsi. Recuperare la visione dell’anima è fondamentale per esperire tutto il significato del mangiare. Fintanto che un’azione non è compresa e onorata nella sua totalità non può essere né utile né liberatoria, ma continuamente imprigiona l’individuo in una ripetitività meccanica che lo rende vittima. Ed essere vittime del cibo che si mangia è l’assurda nevrosi a cui conduce la civiltà del profitto.

  • Un testo che ci invita a guarire le nostre emozioni, a trasformare le nostre relazioni e la nostra vita attraverso il cibo che mangiamo e il modo in cui lo mangiamo.
  • Un libro per capire come l’alimentazione incida su tutti gli aspetti della nostra vita e imparare semplici esercizi per riuscire a nutrirci nel maniera più equilibrata, sana e naturale.
...

I commenti sono chiusi.