5 Semplici Punti di Digitopressione per Rilasciare Ansia e Stress.

L’ antica modalità di guarigione della digitopressione è stata sviluppata in Asia più di 5000 anni fa ed è stata da allora filtrata ed affinata.

Si tratta di una terapia semplice ma efficace che viene spesso utilizzata come mezzo di auto-trattamento per ridurre il dolore e la tensione, diminuire lo stress, attivare il sistema immunitario e aumentare la circolazione.

La digitopressione utilizza gli stessi punti dell’agopuntura, tuttavia utilizza la forza di pressione delle dita per stimolare, anziché gli aghi utilizzati in agopuntura.
Il meccanismo di azione si basa sulla teoria che, applicando una pressione a questi punti, possiamo manipolare il Qi (energia) che scorre attraverso percorsi di energia all’interno del nostro corpo noti, nella medicina tradizionale cinese, come meridiani.

La Medicina Tradizionale Cinese descrive meridiani nel modo seguente:
“Immaginate una mappa stradale: una profusione di punti tessuta in una rete di linee di viaggio.
Ora immaginate questo sistema 3-D nel corpo: una vasta rete di percorsi invisibili di energia che si collegano l’un l’altro e ad ogni atomo, cellula, tendine, osso, organo, ogni centimetro di pelle – tutto nel vostro corpo.
Essi collegano la parte superiore con quella inferiore e la superficie con l’interno, in modo che nulla è veramente separato.
“Ora aggiungete altre dimensioni a questa mappa del corpo 3-D interconnessa: la mente, le emozioni e lo spirito – tutto il conscio e l’inconscio dentro di voi.

Questi percorsi sorprendenti sono i meridiani, e formano il corpo e tutti gli aspetti invisibili del vostro essere in un tutto intercomunicante. ”

La moderna scienza occidentale non ha  elaborato una conclusione empirica di come e perché funziona esattamente la terapia dei meridiani,  ma nonostante ciò riconosce la sua efficacia.
Di seguito è riportato un elenco di cinque dei punti di agopressione più potenti che ognuno di noi può utilizzare quotidianamente per fermare lo stress e l’ansia quando iniziano a sorgere nei nostri corpi e menti.

Prima di  praticare la digitopressione su se stessi, si consiglia di fare qualche respirazione profonda e  dello stretching leggero, al fine di massimizzare il relax e raggiungere uno stato mentale rilassato.

Per  stimolare i punti di pressione, una pressione costante è la tecnica più fondamentale ed efficace.
Utilizzando i pollici, le dita, le nocche, i palmi o il lato delle mani, applicare una  ferma e stazionaria pressione nel punto scelto.
Si dovrebbe aumentare lentamente la quantità di pressione applicata al punto in un periodo di 3 minuti per ottenere risultati ottimali dal trattamento.

Punto 1 – Nei Guan.

Partendo dal polso, misurare la lunghezza di tre dita verso l’avambraccio.
Il Nei Guan si trova dove il terzo dito incontra la metà della larghezza del braccio.
Applicare una pressione decisa con il pollice e delicatamente ruotarlo con un movimento circolare massaggiando il punto per 2-3 minuti.
Fare questo ad entrambe le braccia contribuirà a sciogliere l’ansia e aiuterà anche a ridurre ogni nausea presente.

Punto 2 – Union Valley.
Questo punto di agopressione è situato nel giunto carnoso fra il pollice ed il dito indice su entrambe le mani.

Afferrare il punto con il pollice e l’indice e applicare una pressione decisa per tre minuti. Stimolare questo punto aiuta a ridurre la tensione muscolare e alleviare lo stress.

 

Punto 3 – Shoulder Well.
Questo punto di stimolazione si trova a metà strada tra il punto della spalla e la base del collo.
Esercitare una pressione con il dito indice in questo punto, aiuta ad alleviare lo stress e diminuire la tensione nel corpo.
Secondo i principi della medicina tradizionale cinese, questo punto aiuta anche a liberare il flusso del Qi in tutto il sistema meridiano.

Punto 4 – Central Treasury.
Questo punto meridiano è localizzato sul tessuto tenero due dita sopra il punto dove il braccio incontra il torace.
Applicare una pressione moderata in questo punto utilizzando la punta del dito indice, in uno o entrambi i lati contemporaneamente, sarà di aiuto con la respirazione profonda, favorirà una maggiore circolazione del sangue, e aiuterà con il bilanciamento delle emozioni instabili.

Punto 5 – Heavenly Pillar.
Questo punto si trova un dito sotto la base del cranio,  sui muscoli del collo che sporgono su entrambi i lati della colonna vertebrale.
Utilizzare entrambi i pollici per esercitare una pressione decisa in entrambi i punti.

Chiudere gli occhi e prendere respiri lunghi e profondi, mentre stimolate il punto per circa 3 minuti per alleviare lo stress.
Questi punti aiutano anche  con problemi  come insonnia, torcicollo, oltre alla stanchezza e agli occhi gonfi.

La portata della digitopressione è molto vasta e può essere utilizzata anche per guarire il dolore emotivo e per migliorare le prestazioni sessuali.

RiccaMente

Fonte: https://riccamente.blogspot.com/2016/02/5-semplici-punti-di-digitopressione-per.html

DIGIUNO SECCO —
Gli ultimi sviluppi della digiunoterapia in Russia
di Sergej Filonov

Digiuno Secco —

Gli ultimi sviluppi della digiunoterapia in Russia

di Sergej Filonov

Hai mai sentito del digiuno secco? In questo libro il Dott. Sergej Filonov spiega in modo semplice questa terapia e alcune modalità per metterla in pratica.

Con linguaggio accessibile Filonov accompagna il lettore in un percorso avvincente alla scoperta dei tanti esempi di digiuno secco presenti in natura per arrivare a dimostrare che questo metodo, apparentemente d’avanguardia, affonda in realtà le sue radici nella notte dei tempi, trattandosi di un espediente incorporato da madre natura nel corso dell’evoluzione delle specie animali.

L’autore, forte della sua esperienza trentennale di cura in questo campo, si sofferma ad infrangere i miti diffusi sul tema e illustra dettagliatamente:

  • i meccanismi che il digiuno secco innesca e potenzia nell'organismo: acidosi, autofagia, autolisi e altri;
  • in presenza di quali patologie è consigliabile ricorrere al digiuno secco;
  • i vantaggi del digiuno secco rispetto agli altri tipi di digiuno;
  • l’algoritmo per una corretta pratica di digiuno secco in condizioni domestiche a partire dalla pulizia dell’intestino, per esempio con enteroadsorbimento tossinico.

L’efficacia del digiuno secco nella lotta contro gravi malattie dipende dal fatto che esso contribuisce a rinvigorire il sistema immunitario, permettendo all'organismo di sviluppare in breve tempo nei fluidi corporei le più alte concentrazioni di sostanze biologicamente attive: ormoni, cellule immunocompetenti, immunoglobuline e anticorpi.

Rispetto al digiuno idrico, quello secco risulta inoltre più valido perché accelera i meccanismi di depurazione (un giorno di digiuno secco corrisponde a tre giorni di digiuno idrico) e perché agisce mediante un processo diverso e più radicale: durante un digiuno secco, senza acqua esogena, non ha luogo alcuna “lavatura” delle tossine ma piuttosto un processo di bruciatura delle tossine “nella propria fornace”. Ogni singola cellula innesca una reazione termica. In tali circostanze muoiono le cellule patologiche e sopravvivono le cellule più forti, le più sane, ed esse per sopravvivere a tali estreme condizioni sono costrette a sintetizzare acqua endogena, di qualità eccellente e purissima, priva delle informazioni portate nel nostro corpo dall'ambiente esterno. Meccanismi simili non avvengono in alcuno degli altri tipi di digiuno praticati a fine terapeutico.

...

I commenti sono chiusi.